Bypass di condotti fognari

La realizzazione di un bypass per l’effettuazione di lavori di modifica o riparazione di una condotta o di un canale è indispensabile in tutti quei casi in cui non sia possibile interrompere, neppure temporaneamente, il fusso. In condotte fognarie interrate o canalizzazioni a cielo aperto, la realizzazione di un bypass viene effettuata adottando apposite stazioni di pompaggio temporanee che prelievino il liquido in corrispondenza di una barriera di intercettazione e la reimmettano a valle del tratto isolato, funzionando in continuo fino al completamento dei lavori. Queste stazioni sono spesso dotate di una motorizzazione diesel e di una lunga autonomia di funzionamento. Nel caso delle
tubazioni fognarie e delle condotte interrate la tecnologia no-dig, che permette la riparazione del tratto di tubazione danneggiata senza richiederne la sostituzione, rende ancora più importante la
predisposizione veloce di un sistema di bypass. Quando la prevalenza richiesta supera un certo valore può essere richiesto uno schema con due o più stazioni di pompaggio collegate in serie, mentre nel caso di portate importanti viene adottato lo schema di più pompe in parallelo. Se il sito dei lavori
rientra in area urbana si opta per la versione silenziata che consente il funzionamento continuato minimizzando il livello di rumore.

Ulteriori informazioni Pompe per bypass


Case story Bypass di condotta a Porto Marghera